Il nostro blog - Hamelin Grafica e Comunicazione Firenze

The Hamelin Blog

Blog di grafica, stampa, Internet e pubblicità di varia natura e saggezza!

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Accesso
    Login Modulo Login

"Mac, Mac delle mie brame, chi è il grafico più bravo del reame?"

Inviato da il in Imprimatur - Grafica & Stampa
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 504
  • Iscriviti a questo post

Hai bisogno di un bravo grafico ma non sai a chi rivolgerti e soprattutto non sai quanto potresti pagare i suoi servizi. Ti aiutiamo a chiarirti le idee!

Quando un'azienda ha necessità di un grafico, come deve muoversi per trovare quello giusto? Quello che fornisca un logo perfetto, un design adatto all'intera immagine coordinata, che consegni in tempo, che fornisca il file adatto ad ogni uso, al prezzo giusto?

Vorrei spiegare qui di seguito quali sono i criteri che da grafico pubblicitario di lunga data (faccio questo meraviglioso mestiere da molti anni!) seguirei per la scelta di un grafico.

1) Grafico dilettante o grafico professionista? 

Il grafico pubblicitario è un mestiere artigianale, che richiede competenze specifiche ed esperienza. Chi si professa grafico amatoriale o "per hobby" non è un grafico, ma una persona che nel tempo libero si diletta in modi curiosi. Quindi la prima qualifica importante è cercare una persona che faccia questo lavoro da qualche anno (a mio avviso minimo 3-4 anni di esperienza), che sappia distinguere bene fra grafica tipografica e grafica web, che possa fatturare e quindi garantire un determinato servizio, che abbia qualche anno di esperienza in questo mestiere.

2) Come faccio a valutare la capacità di design di un grafico?

Dal suo portfolio lavori. Chi non ha portfolio, non ha esperienza. Dal portfolio di un grafico ci si può fare un'idea di come lavora e soprattutto si possono giudicare vari tipi di lavoro (creazione di logotipi, impaginazione, immagine coordinata, design, etc), che permettono di capire se fa al caso nostro oppure no, non solo in termini di tecnica, ma anche in termini di gusto e design. Il portfolio di un grafico junior può anche contenere pochi lavori, però fornisce subito all'occhio la percezione di come lavora. Il portfolio di un grafico senior deve essere piuttosto ricco e variegato.

3) Grafico per il web o grafico per la tipografia?

Dipende da cosa serve. Un web designer spesso è molto bravo nel design di siti Internet ma non ha molta confidenza col lavoro tipografico. Non è sempre così. Esistono alcuni designer che sono bravi in ogni settore. Talvolta un grafico pubblicitario abituato al lavoro tipografico non conosce bene il mondo del web. Tutto dipende da cosa stiamo cercando. Quale prodotto ci serve? Di cosa abbiamo bisogno? C'è una bella differenza fra la copertina di Facebook e un catalogo da tipografia. Credo sia necessario accertarsi delle competenze tecniche del grafico, a seconda delle nostre esigenze (sito web, tipografia, design, impaginazione, social?).

4) Freelance o agenzia?

Ho lavorato molti anni da freelance, prima di aprire la mia agenzia con altri colleghi, quindi ho molto rispetto per questo modo di lavorare. Da freelance ho sempre assicurato la stessa competenza, correttezza e rispetto dei tempi che assicuro adesso. Non ho alcun pregiudizio contro i freelance, contro cui le agenzie solitamente si scagliano. La differenza fondamentale fra un freelance e un'agenzia è che l'agenzia solitamente ha più risorse in termini di competenze e di servizi/prodotti da offrire. L'insieme delle persone di un'agenzia può offrire sicuramente più prodotti e servizi e, ad oggi, i prezzi sono quasi identici a quelli di un freelance. Fino a dieci anni fa, un freelance costava molto di meno di un'agenzia. Adesso la differenza di prezzo è quasi nulla. Ho notato spesso, inviando preventivi a nuovi clienti, la loro sorpresa nel notare che il nostro prezzo era identico a quello di un freelance. In questo caso, per levarsi il dubbio, è utile richiedere preventivi a più persone e/o agenzie e verificare cosa è incluso nel prezzo finale. 

5) A quale prezzo?

Il prezzo di un prodotto grafico varia a seconda di cosa è incluso nel servizio o no, a seconda della competenza di chi lo crea, a seconda delle modifiche richieste. Solitamente un preventivo chiaro e limpido stabilisce in termini ben definiti a quante bozze abbiamo diritto, quante modifiche possiamo richiedere, quale prodotto finale (e come) ci verrà rilasciato, come dovremo saldare, etc. La chiarezza di un preventivo è fondamentale per entrambe le parti. Non esiste un prezzo fisso orario o per prodotto. Ogni progetto richiede il suo preventivo ben chiaro e completo. 


Se ti interessano i nostri servizi di grafica e design, puoi scoprirne i dettagli cliccando qui !

b2ap3_thumbnail_grafico-professionista-firenze-toscana.jpg

Hamelin Studio - Firenze

Linea Diretta studio Hamelin