The Hamelin Blog

Blog di grafica, stampa, Internet, pubblicità di varia natura e tanta saggezza by Studio Hamelin di Firenze

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Categories
    Categories Displays a list of categories from this blog.
  • Tags
    Tags Displays a list of tags that have been used in the blog.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.
  • Login
    Login Login form

Torta di mele apocalittica alla Flannery O'Connor

Posted by on in Piovono polpette

Questa torta di mele è semplice e veloce da fare, ma soprattutto è sana, poco dolce ed un vero conforto per lo spirito.

Torta di mele alla Flannery O'ConnorSe Flannery O'Connor fosse viva, sono certa che si darebbe la pena di scrivermi una lettera per invitarmi a togliere la parola "conforto" dalla intro di questa ricetta. Questa clamorosa scrittrice apocalittica, infatti, non avrebbe tollerato alcun conforto accanto al proprio nome o ai propri scritti. Conosciuta da pochi, amata da pochissimi, ha una scrittura di una potenza inaudita, soprattutto per una donna. A mio avviso, si contende con Virginia Woolf (forse vincendolo!) il titolo di più grande scrittrice del '900, quel secolo polverosamente violento che da questo vacuo e disperato secondo millennio inizia quasi a farci nostalgia.

I due romanzi ("La saggezza nel sangue" e "Il cielo è dei violenti") ma soprattutto la raccolta di racconti, che dovrebbe a mio avviso essere sopra il comodino di chiunque, si esprimono con la stessa ferocia di fuoco di alcuni passi della Bibbia. Una scrittura creata con un coltello arroventato, che fa muovere le parole con lo stesso ineluttabile ritmo dei cavalli di San Giovanni. Una scrittura che garantisce apocalisse e salvezza. 

Alla cara Flannery O'Connor che passeggia coi suoi pavoni in un umido giardino del sud, dedichiamo quindi questa torta da 12 (apostoli), dal vago sapore americano di cannella.

La raccolta dei suoi racconti è acquistabile qui!


INGREDIENTI (torta per 10-12 persone):

  • 350 gr di farina (metà di farro e metà integrale)
  • 100 gr di zucchero di canna
  • 1 vasetto di yogurth di soja
  • 150/200 ml di latte di vegetale
  • 50 gr di olio di arachidi
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 5 mele medie
  • scorza di limone grattugiata (o essenza di limone)
  • mezza bustina di lievito

PREPARAZIONE:

Mettere in una ciotola tutti gli ingredienti secchi. Nel frattempo pelare le mele e tagliarle a fettine e poi tagliare le fettine a metà. Non devono essere nè troppo sottili nè troppo spesse. Usate il buon senso. Aggiungere all'impasto secco l'olio, lo yogurth, e infine il latte vegetale fino ad ottenere un impasto abbastanza denso ma lavorabile. Aggiungete le mele per ultime. A questo punto, l'impasto, reso leggermente più liquido dall'acqua delle mele, dovrebbe essere pronto. Mettete tutto in una taglia molto larga (28 cm) e infornate a 180 gradi per circa 40-45 minuti. 

NOTE:

C'è la possibilità di fare una piccola crosticina di zucchero e cannella, spolverizzando l'impasto prima di infornare. Tuttavia, la torta viene molto dolce in questo modo e leggermente meno sobria.

Se usate l'essenza di limone al posto della buccia grattugiata di un intero limone, usatene mezza fialetta.

E' possibile aggiungere uvette e noci spezzettate all'impasto, viene veramente "speciale" così. Purtroppo qui le uvette non piacciono a nessuno, ahimè.

Last modified on

Garanzie e vantaggi studio Hamelin Firenze